Diario di Viaggio: Day 27 – 28

Pensavate che la nostra sfortuna ci avesse finalmente abbandonato? Sbagliavate!

Oggi è Livio che scrive, perché Gabriele, ahimè, è decisamente con l’umore sbagliato per poterlo fare. Iniziamo dalla fine di questa giornata finita con l’arrivo anticipato in Italia, nella città di Milano. Ebbene si, siamo arrivati quasi alla fine di questo tour durato un mese. Vi chiederete cosa ci facciamo già qui, ma ve lo diremo dopo, alla fine dell’articolo di stasera.

Ieri mattina ci siamo svegliati a Parigi, che abbiamo salutato con una lacrimuccia che scendeva, sopratutto io, perché nonostante abbia perso il conto delle volte che ho visitato questa città, non mi stanco mai di tornarci e, se in questo momento potessi, prenderei la macchina e andrei a “farmi” un bel kebab a Saint Michel. Ma riprendo a raccontare almeno, forse, scarico un po’ anch’io.

Dov’eravamo arrivati? Ah si, Parigi! Ieri mattina siamo partiti con calma, anche perché sapevamo che sarebbe stata una giornata praticamente di trasferimento con destinazione finale, la Svizzera.

Durante il viaggio abbiamo iniziato a fare un po’ i conti delle spese sostenute fino ad oggi e ci siamo messi le mani nei capelli una volta tirate le somme. Magari più Gabriele che io, ma concedetemi almeno la fresa, visto che è l’unica consolazione che ho! Superata la fase capelli, abbiamo comunque continuato il viaggio tra la nebbia, o forse nuvole, e le temperature tornate nuovamente sotto lo zero. Giusto qualche sosta per sgranchirci un po’ e fare qualche scatto, ma abbiamo cercato di essere celeri nel percorrere gli oltre 900 chilometri.

Apro una piccola parentesi dicendovi che la qualità della foto qua sotto è pessima e se continuate a leggere fino alla fine, capirete il perché!

Abbiamo pernottato presso un graziosissimo appartamentino a Neggio (Canton Ticino), dove questa mattina, la proprietaria di casa ci ha voluto salutare e conoscere, incuriosita da tutti gli adesivi incollati alla macchina e dandoci anche qualche suggerimento dove scattare. Ovviamente tutti suggerimenti azzeccatissimi; panorami che ti facevano venire voglia di saltare giù e provare a volare e scorci che sembravano essere usciti dalle fiabe, tra incontri sfuggenti con i cervi e cocuzzoli innevati come sfondo. Anche la nostra amica Moby oggi ha fatto da modella per i nostri scatti, forse non proprio a suo agio viste le circostanze alquanto montanare, ma ha comunque dimostrato di essere una bravissima modella. Tutto perfetto insomma; non potevamo chiedere di meglio, così nel primo pomeriggio, quando ormai non riuscivamo a vedere il sole dietro le montagne, abbiamo deciso di riordinare la macchina e…

Qui inizia la nostra tragedia. Una volta ripartiti e pensando a dove saremmo potuti andare domani, mentre Gabri riguardava le foto, è apparsa una scritta sull’unica reflex che fino a quel momento avevamo utilizzato per scattare, che diceva testuali parole: “Impossibile leggere la scheda di mem. Reinserire la scheda”.!

Volete forse la traduzione “spicciola” di questo messaggio? Scheda bruciata, scatti persi e una grande v… (lasciamo a voi la libera interpretazione dell’ultima parola!).

Con il morale sicuramente non alle stelle, abbiamo optato per il rientro in Italia con un giorno d’anticipo e vedere di sistemare anche questo scherzo che la sfortuna ha voluto regalarci. L’unica nostra consolazione è quella che vi facciamo vedere in foto. A volte il cibo fa miracoli e così, per salvare almeno in parte il nostro umore, stasera mi sono messo ai fornelli e dato che da buon ometto di casa che si deve arrangiare se vuole mangiare, ho tirato fuori il mio estro culinario e… Questo è stato il risultato!

Vi lasciamo consapevoli del fatto che anche voi ci vedete come degli sfig.. ehm, sfortunati, ma che ci volete fare!? Ci riprenderemo e continueremo a fare quello che ci piace tanto fare. Manca ancora qualche giorno prima del rientro a casa e con il vostro aiuto, siamo sicuri che riusciremo ancora a scattare!

Buonanotte dalla nebbiosa Milano e se vi va, sosteneteci con una donazione!


DONATE

thanks for your support

Donazione

Vuoi sostenere l’Associazione Around Heart?

Around Heart è un associazione giovane che ha l’obiettivo di portare la Sardegna oltre il mare e di far vedere a tutti quanti il mondo con occhi diversi. Con una donazione libera potrete aiutare il progetto a crescere e raggiungere orizzonti lontani, continuando a scoprire il mondo e sognare ad occhi aperti.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: 5,00€

 


Leave a comment