estoniaOggi giornata di trasferimento. L’uscita all’alba per provare a scattare è saltata per via del brutto e così abbiamo deciso di preparare tutto quanto e dirigerci direttamente in Estonia. Abbiamo iniziato la lunga marcia di oltre seicento chilometri intorno alle 10:oo di questa mattina. Volete sapere l’orario del nostro arrivo nella capitale Tallinn? Ve lo diciamo subito: <<Le ore 19.56!>>.

15220110_10154128610826547_4776498944308880027_n

La foto è stata scatta dopo aver percorso già oltre 100km!

[one_half]img-2
[/one_half]
[one_half_last]Un trasferimento interminabile durato la bellezza di circa dieci lunghissime ore, interrotto giusto da qualche brevissima sosta per sgranchirci le gambe, per mangiare qualcosa e per rifornire, pagando il carburante così come lo paghiamo noi in Italia quando riusciamo a fare dei sogni stupendi![/one_half_last]

La pioggia non ci ha abbandonato quasi per niente nemmeno quando arrivati al confine con la Lettonia, abbiamo avuto un sussulto… Dall’altro lato della strada abbiamo visto un posto di controllo effettuato dalla polizia lituana. Proprio mentre attraversavamo il confine, l’agente di polizia (Donna), che stava controllando il traffico, ha tentato di attraversare la strada per fermarci proprio mentre sopraggiungeva un’altra vettura dal lato opposto! In un attimo ha ripensato al fatto che forse non era il caso di attraversare, ma nonostante tutto, dopo un paio di passi degni del miglior flamenco andaluso, ci indica con un gesto che, sinceramente, nessuno di noi due ha capito. Nel dubbio ci siamo fermati circa 250 metri dopo il posto di controllo, convinti del fatto che volessero controllarci, ma dopo pochi secondi lasciati passare per permettere all’agente di raggiungerci, visto che comunque noi saremmo dovuti arrivare a tutti i costi in Estonia, ingraniamo la prima e andiamo via. Non sappiamo se la poliziotta abbia tentato di raggiungerci, ma ad ogni modo crediamo proprio che sia un po’ troppo tardi.

[one_half]
Il viaggio comunque è stato abbastanza noioso e lungo e dunque, per ammazzare il tempo, abbiamo ben pensato di prepararci a quella che da domani dovrebbe essere l’inizio della vera avventura e abbiamo deciso di attrezzarci con trasformatore ed una ciabatta multipresa, per poter essere caricare più comodamente telefoni e batterie varie. Che ne dite?[/one_half]
[one_half_last]img-1[/one_half_last]

Nonostante la giornata passata a guidare e praticamente a stancarci senza nemmeno muovere un dito, è arrivata una grande gioia, che vi possiamo garantire, era davvero inaspettata; due nostri followers che, per motivi di privacy non menzioniamo specificatamente, hanno fatto le prime donazioni, viste le sventure che ci sono capitate. Li vogliamo ringraziare di cuore e chissà che non siano da esempio per tutti quelli che ci seguono!? Vi mandiamo una linguaccia e un grosso abbraccio a tutti quanti. Domani sbarchiamo ad Helsinki ed il grande nord, con le sue temperature sotto lo zero, ci attende!





[tg_social_share]

Chi siamo

Leave a comment