austria

È stata una giornata un po’ particolare. La sveglia è suonata in Slovenia alle 5.15. Una velocissima doccia e subito in macchina per arrivare sulla riva opposta del lago di Bled. Sistemata l’attrezzatura, abbiamo iniziato a salire il pendìo scosceso di una collina. Era ancora buio, molto scivoloso e giusto per renderci le cose più semplici, è iniziato a piovere. Non ha smesso un attimo, nemmeno quando arrivati in cima, abbiamo iniziato a scattare. Un paio d’ore di scatti, acqua e fango e siamo tornati al nostro B&B con vista sul lago. Ennesima doccia rigenerante e partiti: <<Direzione Austria!>>

dsc03470[one_half]
Nemmeno un’ora di viaggio e notiamo che uno degli adesivi sul cofano della macchina inizia a svolazzare per metà. Era il nostro! Gabriele rassegnato all’idea di perderlo, mentre io, Livio, ostinato a trovare una soluzione. Ci fermiamo in una stazione di servizio di Jesenice, dove chiediamo gentilmente di suggerirci qualcuno che può risolvere il nostro problema. Ci indicano un indirizzo dove corriamo in fretta e furia, ma dove apparentemente non c’è nessuno. Proviamo a chiamare il numero di telefono troviamo su Google con e referenze che ci avevano comunicato e risponde un uomo che non parla bene l’inglese, ma che ci fa capire che il suo laboratorio non è quello. Nel frattempo si affaccia una ragazza che pensavamo fosse la fidanzata, ma che in realtà è la figlia, che gentilmente ci scrive l’indirizzo dove trovare il padre e dove forse troveremo la soluzione al nostro problema. Corriamo nuovamente al nuovo indirizzo e troviamo un signore ad attenderci; uno sguardo veloce e in sloveno dice: “Nessun problema, ci penso io!” (Abbiamo ipotizzato questa traduzione viste le sue espressioni facciali!). Ci fa andare sul retro del laboratorio e in pochi minuti, mentre gli raccontiamo della nostra avventura e che siamo soltanto all’inizio, risolve tutto. Chiediamo il conto, ma lui, con una pacca sulla spalla, ci risponde con “Good luck guys”. Sorpresi dalla risposta, visto che gli sloveni sembrano abbastanza freddi, prendiamo una mappa di Olbia e una nostra maglietta e gliela regaliamo, immortalando questa casuale, ma sicuramente stimata conoscenza![/one_half]
[one_half_last]dsc03479[/one_half_last]

[one_half]dsc03481[/one_half]
[one_half_last]
Pensavamo che la giornata avesse finalmente preso la piega giusta e ripartiamo verso l’Austria. Finalmente il confine: “Austria, eccoci qui!” No, aspettate un attimo… Ci ha appena fermato la polizia di frontiera: (in sloveno) Passaporti e libretto! Ovviamente consegnamo ciò che ci viene chiesto, ma la poliziotta, esordisce subito con un inglese stentato: “Non avete pagato il “ticket” per le autostrade slovene”. Sorpresi da ciò, affermiamo dicendo che non ci eravamo accorti del cartello, visto che avevamo superato il confine quando era già buio e con quasi 9 ore di guida senza sosta. La poliziotta capita la nostra situazione e vedendo i nostri visi angelici, ribatte così: “It’s an expensive mistake!”. Il morale della storia? 151€ di multa pagata subito, ma siamo in Austria ed è questo ciò che conta.[/one_half_last]

Dritti ad Hallstatt, lasciamo i bagagli nel b&b e corriamo all’ufficio turistico dove, sapendo già del nostro arrivo, avvisati dall’Ufficio Turismo di Olbia, ci accolgono e ci fanno esporre il materiale pubblicitario della nostra città.

dsc03489

Missione compiuta!

Una giornata intensissima e con diversi piccoli intoppi che ci hanno fatto quasi perdere il sorriso, ma comunque conclusa a scattare con il super Kit NiSi in uno dei posti più magici dell’Austria, insieme alla compagnia del nostro Moby, compagno fedele di viaggio!

Ci riposiamo qualche ora nel nostro b&b in riva al lago e vi diamo appuntamento a domani.

L’avventura continua…

ALTRE FOTO DELLA GIORNATA:

[one_third]dsc03530[/one_third]
[one_third]dsc03495[/one_third]
[one_third_last]img_3172[/one_third_last]

[one_third]dsc03534[/one_third]
[one_third]dsc03515[/one_third]
[one_third_last]dsc03508[/one_third_last]

[one_third]dsc03493[/one_third]
[one_third]dsc03492[/one_third]
[one_third_last]dsc03494[/one_third_last]


[tg_social_share]

4 Comments

  • katerina
    Posted 19 Novembre 2016

    Sono una ragazza slovena ,la mia dolce metà è un nuorese cocciuto a cui voglio tanto bene. Mi fa tanto piacere che siate passati in Slovenia. Se vi capita passate per il lago di Bohinj o per il parco nazionale del Triglav (e in tanti altri posti)

    • Around Heart Enjoy your Freedom
      Posted 19 Novembre 2016

      Ciao!
      La Slovenia è davvero bella, purtroppo siamo stati solamente un giorno per seguire la nostra tabella di marcia.
      Per il momento abbiamo visitato bene solo Bled, e ne siamo rimasti incantati anche sotto la pioggia! Grazie per il consiglio, lo terremo a mente per la prossima volta 🙂

  • Katja
    Posted 21 Novembre 2016

    Siete grandi! Vi scrive un’altra ragazza Slovena, esattamente da Koper. Dove potreste anche passare, vi assicuro che potrete fare degli scatti da mozzafiato. Specialmente, mi permetto di suggerirvi, da una vista magica, che è il Castello di San Servolo (Grad Socerb), da dove si apre una vista magnifica su tutto il Golfo di Trieste e lo sguardo va da Grado, Monfalcone, Trieste e Koper fino a Savudria, che è già in Croazia. Buon viaggio.

    • Around Heart Enjoy your Freedom
      Posted 22 Novembre 2016

      Ciao Katja!
      Ti ringraziamo tantissimo e grazie anche per l’informazione a noi molto utile.
      La prossima volta seguiremo senz’altro il tuo consiglio! Grazie e tanti saluti 🙂

Leave a comment